Il valore di "Essere Unici"

  • Posted on: 20 April 2017
  • By: Sandra Caschetto
Il valore di "Essere Unici"
Sin da piccoli si ha il desiderio di superare gli ostacoli, siamo attratti dalle sfide per arrivare ad imparare cose nuove e, cosi cerchiamo nuovi percorsi con la speranza di cambiare l'ambiente in cui viviamo. Ma ben presto si impara che non e' sempre cosi e non e' del tutto corretto,perchè si hanno grosse limitazioni create da un sistema di credenze che nel tempo si apprendono.

Il diritto di essere e di esistere, non e' un concetto complicato.
Cari lettori, avevo l'ambizione di "essere" avendo capito gia' da piccola l'importanza di essere un individuo con la propria autenticita', con le proprie passioni e desideri, con la presunzione quasi inconsapevole di chi si sente a proprio agio avendo una sana e buona dose di autostima. Ma, come si puo' essere unici senza farsi addomesticare da un sistema e da una societa', che va sempre piu' verso l'omologazione.
Si impara ben presto nella vita grazie anche agli imprevisti e le conseguenze che ne derivano, a conoscere non solo la sofferenza ma quanto tutto questo puo' metterci in crisi e proprio in questo momento che il nostro quoziente intellettivo e la nostra autostima entrano in scena. Per poter vivere bene dobbiamo avere il coraggio di soddisfare i nostri bisogni senza avere la paura di essere giudicati.
Il problema oggi non e' sapere dove siamo ma dove vogliamo arrivare e come, siamo una societa' arretrata priva di emozioni e nonostante gli sforzi per cambiare questa condizione i pregiudizi continuano a persistere, perche' a far paura e' proprio la diversità nei modi, nel linguaggio, nel comportamento, nelle idee.
Non riusciamo a stimare e rispettare a prescindere, l'arroganza con la quale l'uomo si e' messo a capo del mondo ha cambiato la visione della vita.
In un paese che si definisce liberale e democratico non ci si dovrebbe vergognare nè delle proprie abitudini, avendo cura di non ferire e non far del male al prossimo, nè dei propri codici di comportamento.
La nostra societa', che si definisce così emancipata, così moderna, crea ancora in maniera del tutto libera due categorie: "i normali e i degni di stima" e gli "indegni", ma quali sono i criteri e le norme che prevedono di poter appartenere all'una o all'altra categoria, accettiamo tutto sempre passivamente come se questa condizione fosse del tutto normale come se certi stati ci fossero stati inculcati come norme comportamentali da rispettare.
Ognuno di noi dovrebbe imparare a rivendicare il diritto alla propria individualita' avendo una concezione positiva di se stessi sempre e comunque, proprio per poter avere una societa' libera e senza violenza...
Scoprire il proprio potere interiore aiuta ad espandere i nostri limiti e ad abbattere le barriere.

di SANDRA CASCHETTO
Categoria: